storiastoria.html
produzioniproduzioni.html
recensionirecensioni.html
fotoFoto/Pagine/storia.html
videovideo.html
testitesti.html
pagina

1

2

3

4

5

Another find from Italy. Where is the end of this long and plentiful smorgasboard ?

Sithonia is back again from a 13 years long album break. I bought a couple of their earlier albums some months ago when I interviewed them (see interview). I have yet to listen to them. But if they are in the same style as this, I will most definate give them some spins in the near future.

Their music is very much classic Rock Progressivo Italiano. But there is an added element of a very rich texture of Keith Emerson like tangents. The same sound, in fact. The Mellotrons throughout this album can make a stone cry in sheer joy (yes, I am crying now). Add that to Rock Progressivo Italiano and you get a heady mix which goes straight to my heart........... and stays there. On the top of this, add some absolute excellent vocals too. Some mandolin and guitars adds a lot of texture too. The bass and drums is excellent too.

The songs are mellow, dense, folky and symphonic at the same time. Pastoral is the word I am looking for. It is classic, classic Rock Progressivo Italiano.

Add some superb songs too. These mellow and not immediate accessible songs takes time to sink in though. This is a typical "needs time" album. The twenty two minutes long epic Cronaca Persa is not immediate there too. But given some hours and a day, all songs on this album sinks in like a boulder hits the ocean floor. The epic Cronaca Persa is superb, no less.

It is gales and the rain comes sideways outside. But this album has given me a warm feeling. This is the best Rock Progressivo Italiano album I have heard since the Il Tempio delle Clessidre album from last year. I love this album although it is lacking a killer track or two. But this is still a superb album which will figure high on mine and I guess some others annual best album rankings.


                                                                                                                                Torodd Fuglesteg

Sithonia are a band of long time friends from Bologna, some of whom began playing in the mid 70s. As Sithonia the story begins in the 1980s and like so many other Italian bands their albums have become something of a diary of lives and friendships. The period prior to this album was that long hiatus where members go their own way for a while, after a busy 1990s they were pretty much off for over a decade, walking life's other avenues. And thus "La Soluzione Semplice" (The Simple Solution) sounds very much like the reunion of old friends that it is. The band sounds fresh and reinvigorated, enthusiastic, and playing music for the love of it more than anything else. The songs came to life quickly and the recording process was smooth. Lizard Records wisely grabbed this 2011 release from Mellow and it will prove a nice addition to their high quality catalogue, one that will grow in popularity over time as prog fans find it.

Musically Sithonia is an amalgam of 1970s English and Italian symphonic prog influences (Genesis and Banco oft mentioned) with Euro folk music flavors. Despite the 70s leanings there is also a hefty sheen of Neo-prog evident in the pacing and accessibility of certain sections, just as the occasional snarls of electric power chords suggest a modern and heavier influence. But mostly Sithonia seems to possess their own knack for beautiful, melodic prog that will satiate fans of similar 90s/00s RPI like Il Castello di Atlante, Eris Pluvia, Lost Tales, Nuova Era, and Prowlers.

From short interludes to 20-plus minute epics it's all here: grand upbeat synths and warm melancholic piano pieces, lofty mellotrons, drop-dead gorgeous passages of Ant Phillips-like acoustic guitar, rippin' melodic electric leads, and hearty Italian vocals. The combination of the earthy sunset mellotron and the bucolic acoustic guitar segments give the album a truly gorgeous feel, contrasted with occasional feisty elements. The opening of the title track is such a hauntingly beautiful wash of keys and acoustic, it soon develops into an organ groove that has a sinister growl! Sithonia break no new boundaries and seek not to impress via technical ecstasy, instead, this is an album of lovingly crafted tales which seep into you over time. More than anything else this is progressive rock with tons of heart, a passionate pastoral world of folksy musical storytelling and vibrant rock. Their website has English translations and photos suggesting the lyrical themes play on the passing of time, the changing of seasons. This is my first Sithonia experience and while I've not heard their early material, I strongly suspect that this album is their pride and joy. Sure sounds like they'd feel that way. Recommended to fans of RPI, Symph, and Neo of the pastoral/folk vibe. 7/10

                                                                                                                                    Finnforest

“La Soluzione Semplice”, un ponte fra due mondi, uno brullo ed arso e l’altro rigoglioso, verde e ricco di acqua. Analogia fra passato e presente della storia dei romagnoli Sithonia ? Non è detto, questo è solo un mio pensiero, in quanto la band nel corso degli anni ne ha passate davvero di cotte e di crude. Tutto inizia nel 1985/6 con svariati cambi di line up e quattro dischi alle spalle fino allo split del 1999. Una carriera fra alti e bassi, fra consensi e qualche dubbio, il tutto sempre vissuto dalla band con l’entusiasmo, quello che solo l’amante del genere Prog può comprendere.

Non è una band professionista, per cui gli sforzi elargiti sono davvero enormi, a cavallo fra studio e lavoro, una situazione spesso insostenibile. Questo sarà motivo di molteplici incomprensioni, la scissione a cui accennavo prima è inevitabile, ma la passione non si doma e lo sappiamo bene tutti noi che amiamo il Prog, ecco quindi a distanza di 12 anni il ritorno dei Sithonia.

Mi piace dunque immaginare questo ponte disegnato nella copertina dal chitarrista Roberto Magni e fotografato nel back, come un nuovo passaggio ed allora attraversiamolo assieme a Orio Cenacchi (batteria), Oriano Dasasso (tastiere), Marco Giovannini (voce e cori), Roberto Magni (chitarre, mandolino e programmazioni synths), Paolo Nannetti (organo e mellotron) e Valerio Roda (basso).

“Treni Di Passaggio” apre il disco, otto minuti nei quali i Sithonia mettono tutti gli ingredienti che compongono il loro piatto forte. C’è il Prog, il New Prog e molto anche del cantautoriale. Importante per la loro musica la melodia di facile fruibilità, ma anche i buoni assolo strumentali, i quali infarciscono l’ascolto con frequenza. Sempre una emozione poter ascoltare il Mellotron, così come ritornare con la mente agli albori di questo genere italiano caro a band come Le Orme.

La più breve “Tornando” è uno strumentale basato sulle tastiere e che fa da preludio ad una suite ricca di emozioni dal titolo “Cronaca Persa”. Perso invece non è il tempo che la band ha passato nell’inattività, in quanto in esso sembra essersi rigenerata ed averci racimolato le idee.

I testi di Paolo Nannetti ben si sposano con la musica proposta, ricca di cambi di tempo ed umorali. Il bagaglio culturale dei componenti è notevole e si manifesta apertamente in molti passaggi intrisi di melodie si inflazionate, ma sempre verdi.

Dopo ventidue minuti di musica giunge un breve strumentale basato sulla chitarra dal titolo “Il Tram Del Topo”. La title track “La Soluzione Semplice” è in effetti il momento più alto del disco, dove il tempo sembra essere regresso e dove ancora una volta ci si imbatte nel Mellotron.

L’equilibrio fra il Prog ed il cantautoriale è ben dosato, questa però potrebbe essere un arma a doppio taglio, in quanto l’amante del genere preferirebbe godere di più in fughe strumentali e qui i Sithonia sono dei maestri, mentre chi ama di più la formula canzone, potrebbe trovare ostico l’intreccio. Personalmente riesco a godere a pieno della proposta, anche se non nascondo una piccola tendenza per i brani più strumentali che cantati.

Chiude il disco anticipata dalla breve “Passeggiata”, l’ottima “Il Vento Di Nauders”, undici minuti di buon Progressive all’italiana.

“La Soluzione Semplice” è un felice ritorno che la Lizard incastona nel contesto La Locanda Del Vento, dove giacciono di gia altri lavori interessanti come quelli dei Lingalad o dei Faveravola. In questo contesto è contenuta la musica che ha il sapore dei tempi che furono e neppure i Sithonia potevano mancare. Bentornati!


                                                                                                                                            Massimo Salari

La soluzione semplice (2011)



Hoy es momento de celebrar que… ¡SITHONIA ha vuelto! Sí, en efecto, la banda formada a mediados de los 80s en Boloña, que debutó fonográficamente en 1989 con “Lungo Il Sentiero Di Pietra”, luego maduró su voz propia en “Spettacolo Anullato” y “Confine” dentro del revival prog de los 90s, y finalmente exploró más a fondo su perenne faceta romántica en “Hotel Brun” como canto de cisne, ha vuelto al negocio musical después de 13 años con un hermoso disco llamado “La Soluzione Semplice”. SUTHONIA ha sido para muchos coleccionistas de progresivo de las dos últimas generaciones tan vital para el desarrollo del revival progresivo italiano como otras bandas usualmente más conocidas como FINISTERRE, NUOVA ERA y ASGARD. La línea particular de SITHONIA tiene una sonido bastante marcado por la presencia de dos teclistas, aunque esto no era obstáculo para el desarrollo de musculatura rockera de la mano de la guitarra, y también cabe notar la consistentemente conmovedora melódica de la cual solía hacer gala el grupo sin por ello caer en remilgos, siempre manteniendo una robustez sonora en base a la mágica arquitectura articulada por el ensamble. En fin, todos estos ingredientes (inspirados en buena medida en los legados de sus compatriotas de BMS, LOCANDA DELLE FATE y LE ORME) reemergen frescos y contundentes en “La Soluzione Semplice”, añadiendo para a ocasión algunas vibraciones sinfónicas contemporáneas afines a las líneas de trabajo de HÖSTSONATEN, NOTABENE, IL TRONO DEI RICORDI, LA MASCHERA DI CERA, MANGALA VALLIS… pero que conste que SITHONIA forjaba y trabajaba esta línea musical desde mucho antes. La formación que ha grabado este hermoso disco consiste en: Orio Cenecchi (batería), Oriano Dasasso (piano y sintetizadores), Marco Giovannini (voz y coros), Roberto Magni (guitarras, mandolina y programación), Paolo Nannetti (órgano, mellotrón, sintetizador, programación y coros) y Valerio Roda (bajos eléctrico y acústico), o sea, la misma formación de “Spettacolo Anullato” y “Confine” - ¡y la magia volvió con todo!

‘Treni Di Passagio’ tiene un bizarro comienzo marcado por una minimalista secuencia de acordes al piano, efectos cósmicos de sintetizador y una batería de tenor free-jazz, en medio de ruidos de gente: ciertamente, un retrato sonoro del paso de trenes en medio del caos urbano. Una vez instalado el cuerpo central, entramos en terreno familiar: sinfonismo romántico, melódicamente focalizado a través de una atmósfera evocativa moderadamente fastuosa, así como interludios instrumentales provistos de esa combinación de elegancia y vigor que el grupo ha sabido desarrollar tan bien durante su trayectoria precedente. Después de los 8 minutos de ‘Treni Di Passagio’ vienen los 2 ¾ minutos de ‘Tornando’, los cuales exhiben un aura extrovertida dentro del esquema de un instrumental bastante marchoso: los sucesivos solos de guitarra y órgano aportan dosis esenciales de vitalidad al bloque sonoro global. Su sonoridad es afín al mejor PFM del nuevo milenio con ciertos aires de LA MASCHERA DI CERA (dos últimos discos). Acto seguido viene ‘Cronaca Persa’, ambiciosa pieza de 22 minutos de duración que, de entrada, parece contagiarse mucho del espíritu extrovertido del instrumental precedente. Hay una cierta constancia en los desarrollos temáticos que tiene lugar a través de la ilación melódica que se va explayando: esta consistencia es diferente a la de la suite de “Hotel Brun”, la cual daba obvia preferencia a talantes nostálgicos, y mucho más diferente a la de “Spettacolo Annullato”, la cual ostentaba dramáticos cambios de ambiente. Poco antes de tocar la barrera de los 14 minutos, la banda explora un breve pasaje acústico, casi pastoral, para, a partir de allí, retomar el colorido dominante y empezar a desarrollarlo con un empuje gradualmente más dinámico durante un rato. Finalmente, los últimos 5 minutos sirven para que la banda instale un motivo lento diseñado para estimular un ambiente intimista, el cual se remata con una coda orquestal imponente.

‘Il Tram Del Topo’ es un breve instrumental al estilo de la hermosa pieza que abría “Confine”: un comienzo cálido y sereno que abre la puerta para la emergencia de un torrente musical manierista y contundente. Los siguientes 6 minutos del álbum están ocupados por la canción homónima. Tras una cálida introducción de corte romántico e introspectivo, nos sorprende el cuerpo central con una manifestación de fastuosa energía, un destello impactante al cual el medio tiempo articulado por la dupla rítmica permite exhibirse con una dosis moderada de boato típicamente sinfónico. La pieza en cuestión suena a eslabón perdido entre LA MASCHERA DI CERA y NUOVA ERA. ‘Passeggiata’ es un nuevo interludio breve, el cual ofrece un ejercicio de dinamismo estilizado sobre un compás de 3/4 manejado con sobriedad neoclásica, logrando así anticipar el lirismo que habrá de imponerse a través del último tema del álbum ‘Il Vento Di Nauders’. El lirismo se desarrolla a lo largo y ancho de un colorido razonablemente robusto que bien puede remitirnos a paralelos con bandas italianas recientes de tendencia retro como IL CASTELLO DI ATLANTE o NOTABENE, pero debemos pensar estos paralelos teniendo en mente que SITHONIA lo venía haciendo desde antes. En la frontera del noveno minuto, un hermoso cuadro impresionista construido por los teclados duales crea un ensoñador puente hacia la coda, un pasaje pastoral cantado dirigido por una sencilla secuencia de rasgueos de guitarra acústica y cuya culminación definitiva consiste en la misma calmada secuencia de acordes de piano con la cual se había iniciado ‘Treni Di Passagio’ – se cierra así el círculo de “La Soluzione Semplice”, álbum que nos trae de vuelta a un grande indiscutible del revival progresivo italiano como es SITHONIA.

Es realmente un retorno a lo grande, en el sentido más completo de la expresión, el cual reaviva la inmortal llama de lirismo y emotividad que caracteriza la esencia más candorosa del progresivo sinfónico italiano. Esta aureola de nostalgia revivida que revitaliza la mirada y las ideas se plasma muy bien en el librito del disco: las fotos de los músicos son en blanco y negro y de años atrás - un recurso muy ingenioso... “La Soluzione Semplice” es un disco recomendable sin dudas ni titubeos de ningún tipo: aunque SITHONIA, como entidad, haya pasado por una fase letargo y ahora resucitado, su ingenio artístico ha demostrado cabalmente que siempre se situó allende los avatares del tiempo.



Cesar Inca Mendoza

Fa un po' sorridere e un po' pensare il fatto che per parlare di un album come questo La soluzione semplice sia molto adatta la parola "nostalgia". E fa impressione rendersi conto chesono passati oltre venti anni dai primi passi dei Sithonia, che debuttavano in un periodo il prog era praticamente finito nel dimenticatoio. Fu grazie a loro e ad una manciata di altri artisti (pensiamo agli Ezra Winston, ai Nuova Era, agli Arcansiel, ai Malibran, tanto per ricordare qualche nome importante) che in Italia, pian piano, tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90, rifioriva un certo interesse verso un genere che sembrava aver perso tutto il suo charme. A distanza di più di quattro lustri da quel periodo e di ben tredici anni dal loro ultimo album, i Sithonia tornano a far parlare di sè con La soluzione semplice. La band conferma in pieno quel suo stile raffinato, che riprende modelli ed esempi dei classicissimi anglosassoni (Genesis, Marillion) e italiani (Banco, PFM, Locanda delle Fate). Il loro progressive è impregnato di romanticismo, con tante belle melodie dal sapore mediterraneo e articolato in composizioni ariose dove ampio spazio è dato alle parti strumentali, nelle quali chitarre e tastiere si alternano e si intrecciano rispolverando emozioni mai sopite. Esemplare e particolarmente brillante la suite di ventidue minuti Cronaca persa, che racchiude in sè tutto il meglio che i Sithonia sanno dare, grazie a dinamiche e a cambi di tempo e di atmosfera che permettono di alternare passaggi particolarmente eleganti, sonorità semiacustiche e ruggiti rock che mostrano come la band non abbia minimamente perso smalto nonostante il lungo periodo di inattività.

I brani più brevi (e interamente strumentali) Tornando, Il tram del topo e Passeggiata sono comunque esplicativi e coinvolgenti ed anche in queste occasioni il rock sinfonico viene a galla in maniera imperiosa. I suoni sono pulitissimi, anche se si prediligono timbri vintage emerge una registrazione chiara e levigata. Poco altro da aggiungere se non che questi cinquantatre minuti filano davvero via lisci e con estremo piacere di chi ama il prog italiano, mettendo in mostra la maturità e le qualità di un gruppo che ha ancora le carte in regola per far sentire la sua voce forte in un panorama musicale molto cambiato rispetto a quello che ne caratterizzava gli esordi. Per i Sithonia pare proprio che il tempo non sia passato e in molti ne saranno contenti.


                                                                                                                                            Peppe Di Spirito

Un quarto di secolo. Da tanto esistono i Sithonia. Seri, coerenti,

professionali, ‘veri’. Ma anche adorabilmente ‘artigiani’ e naif, dotati di una

passione serena e di sacro entusiasmo, valorizzati dal passaggio all’etichetta

di Loris Furlan. In questo loro sesto lavoro i Sithonia propongono musica fatta

con il cuore e con la testa, come nella miglior tradizione Lizard. Musica

pensata e vissuta, meno genesisiana che in passato e molto personale. Rimangono le atmosfere spontanee ed emozionanti che da sempre contraddistinguono la lorostoria. Le canzoni sono sempre assai ben costruite, con cura e amore generosi.

Nel complesso, La soluzione semplice è meno folk che in passato e un filo più

elettronica: massiccio e comunque mai invadente, in proposito, il ricorso ai

sintetizzatori. Una ventata di modernità che non sconfessa l’identità dello

storico gruppo italiano, ma ne amplia le possibilità espressive. Il basso,

anche acustico, di Valerio Roda non accantona (ed è un bene) inflessioni

jazzistiche dall’alto tasso tecnico. I primi due pezzi, Treni di passaggio e

Tornando, danno un senso in musica (e non solo) al significato più profondo e

autentico della parola nostalgia. Quindi ecco la suite: Cranaca persa, ben

ventidue minuti leggiadri e imponenti. Se Passeggiata è uno splendido

interludio, Il vento di Nauders chiude superbamente un gran disco di ritorno.

Non si pensi, pertanto, ad una sola e semplice reunion. Qui c’è qualcosa di

molto di più, disegnato su un pentagramma dove ogni nota si rivela un pastello.


                                                                                                Davide Arecco

A tredici anni dal controverso Hotel Brun tornano in pista bolognesi Sithonia, veterani della scena neoprog italiana, con il sesto album della loro appassionante saga. La lunga pausa di riflessione sembra aver fatto più che bene a Paolo Nannetti e compagni, che sfornano una delle loro opere più ispirate, con ingredienti collaudati e garantiti:tastiere dalle rapinose volute melodiche, di derivazione Genesis ma in sintonia anche con le Orme, abbinate a testi poetici restitutiti con una vocalità molto personale, dai tratti quasi cantautoriali. Quattro articolate composizioni tra cui le splendide Cronaca persa e Il vento di Nauders, inframmezzate da brevi “promenade”, strumentali di squisita fattura


                                                                                                    Enrico Ramunni

Certo che ne è passato di tempo da quando leggevo dei Sithonia su un noto periodico metal che dedicava al prog uno spazio risicato ma costante. Allora le mie conoscenze del genere si limitavano a qualche album dei Marillion e a “Foxtrot”, mentre dei Sithonia (e di altre band italiane dell’epoca) sapevo solo che erano considerati una promessa del progressive italico. Non avevo la più pallida idea di quale potesse essere il loro sound, eppure mi affascinava leggere i toni enfatici con cui venivano descritti. Certo, non mi sarei mai aspettato che un giorno avrei dovuto scrivere la recensione di un loro album, nè quello di chiunque altro a dire la verità. Prendere tra le mie mani “La soluzione semplice” e ascoltarlo per dare la mia opinione rappresenta quindi per me, in un modo che riesce a strapparmi un sorriso, un segno del tempo che passa.
I Sithonia sono ancor qui, dopo oltre vent’anni, invecchiati senza ombra di dubbio (e non erano tutti dei giovincelli neanche all’inizio) ma sempre grintosi e coerenti nel mantenere lo stile classico che li contraddistingue, fatto di sinfonismo, melodia, ricerca nei testi e una sottile ironia che aleggia qua e la tra le composizioni. L’album è molto omogeneo, sospeso tra le influenze dei Genesis e quelle del Banco, proprio come nell’iniziale “Treni di passaggio”, che sembra giocare volutamente nelle sezioni strumentali tra i suoni British alla Tony Banks e quelli fantasiosi del progressive italico. “Cronaca persa” è melodica, dura, acustica, incalzante ma anche di maniera, e lo è in modo troppo convincente, tanto da presentare proprio quei pregi e i difetti che ti aspetteresti da una suite di oltre ventidue minuti. Eppure la sua prolissa bellezza non lascia indifferenti e riesce a tener viva l’attenzione per quasi tutta la sua durata, concedendosi solo qualche passaggio di scarso interesse che forse si sarebbe potuto limare meglio.
Nemmeno “La soluzione semplice” riesce a infastidire, mantenendo una struttura hard incastrata in un mid-tempo scontato punteggiato di melodia, e neanche la conclusiva “Il vento di Nauders” ci dà il sollievo di pensare che tanto è l’ultimo brano quindi dobbiamo resistere sino alla fine, quando invece le sezioni melodiche, gli assoli banksiani (una costante dell’album) i temi e le parti strumentali si rincorrono tra loro lasciandoci col fiato sospeso per tutti gli undici minuti di durata.
Terminato l’ascolto, la soluzione semplice si è manifestata chiara davanti ai miei occhi, invisibile ed estremamente efficace: fare ed ascoltare la musica che ci piace, senza l’ossessione della ricerca della novità e senza porci il problema di dover accontentare il pubblico e i critici. I Sithonia forse non hanno ricevuto il riconoscimento che meritavano ma quello che fanno, anche senza realizzare niente di nuovo, lo fanno bene. Per me è più che sufficiente.


Nicola Sulas

Fa impressione rendersi conto che sono passati oltre venti anni dai primi passi dei Sithonia, che debuttavano in un periodo in cui il prog era praticamente finito nel dimenticatoio.

Fu grazie a loro e ad una manciata di altri artisti (agli Ezra Winston, ai Nuova Era, agli Arcansiel, ai Malibran, tanto per ricordare qualche nome importante) che in Italia, pian piano, tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90, rifioriva un certo interesse verso un genere che sembrava aver perso tutto il suo charme.

Con "Lungo sentiero di Pietra", i Sithonia cominciarono la loro cavalcata  ufficiale nel prog italiano, e come annotava Ciao 2001 il 3 luglio del 1990, c'era un momento di grande ritorno, dopo gli anni d'oro, c'era "una soluzione di grande rinascita"

Ma come ricorda  Paolo Nannetti frontman della band la storia cominciò qualche tempo prima

"“Nell’inverno 1985/86 chiesi ad alcuni vecchi amici, che da molti anni collaboravano con me in varie esperienze  musicali, di incontrarsi qualche sera per arrangiare e suonare qualche canzone che avevo composto,Io allora suonavo la chitarra acustica e cantavo ", si formò quindi una band . E continua ancora Paolo nel suo racconto"

Nell’estate del 1986 il gruppo si esibisce in qualche concerto (ancora senza nome) e qualche settimana dopo partii per una vacanza in Grecia  (precisamente in Calcidica, penisola di Sithonia), Decisi di dare al gruppo il nome di questa affascinante penisola sospesa tra la chiassosa e terrena Cassandra e il mistico e silenzioso Monte Athos."

I Sithonia come band inciderà tra il 1988 e 1989 il primo disco, l’autoprodotto “Lungo il sentiero di pietra”.

E prosegue il racconto di Paolo " La svolta e la crescita di quello che diventerà il nostro piccolo stile nasce da questo momento in avanti dalla integrazione tra le mie composizioni e il lavoro di Roberto Magni che in particolare cura tutti gli arrangiamenti e costruisce preziosi demo tape registrati “domesticamente” che servono poi a tutti gli altri componenti per verificare ed aiutare la realizzazione di ogni canzone".

La citazione di "Lungo il sentiero di pietra ", è doverosa perchè la band, ha intenzione di omaggiarci di una performance acustica dello storico disco nei ns studi.

Ma ritornando al nuovo lavoro esce dopo oltre 14 anni dall'ultimo disco del gruppo Hotel Brun

"Abbiamo capito che era giunto il momento di percorrere un'altra passeggiata "lungo il sentiero di pietra" per il quale ci incamminammo ormai più di 25 anni fa. E La nascita delle nuove canzoni è avvenuta nel giro di pochi mesi, in modo del tutto spontaneo, come tutto ciò che si sa deve avvenire e puntualmente accade". Più chiaro di così!

Sette composizioni,  per un ritorno come se niente fosse capitato  da Hotel Brun

La voglia ancora di confrontare il rock con la melodia  nella maniera più intelligente possibile, per un risultato che riesce a sollevarti a farti immergere in un mare di suoni è tangibile.

Provate ad ascoltare attentamente  gli intrecci sonori  di" Treni di passaggio", una goccia che cade, un rullare nervoso della batteria,ed una voce che viene fuori a colorare il tutto in un meraviglioso viaggio ; i Sithonia, al di la' dei vari riferimenti che si possono fare, sono loro fortemente loro, con le armonie, gli assoli, i giochi alle tastiere gli arrangiamenti, che non lasciano mai niente al caso perchè bisogna continuare ad esplorare.

"Cronaca Persa", traccia numero 3 è il fulcro centrale del disco, una minisuite il loro mondo, il loro costruire sempre  per dare  il meglio.

Per non parlare del"tram del topo", sessanta secondi e poco più per un flash che parte con una acustica, alla Amazing Blondel, per poi stravolgere il tutto in un brevissimo lasso di tempo.

E che dire  della bella invitante ma anche aggressiva nel cantato title track, perfetta nella sua struttura, che fiancheggia certi universi pop ma con grande classe. Si effettivamente un grande ritorno, per i Sithonia.   


                                                                                                                Maurizio Calzavara per “Rockwave”

recensioni pagina 5

I Sithonia sono una progressive band bolognese nata nel 1986 e autrice, a oggi, di ben cinque album in studio e di un live: quest’ultima prova li riconferma come uno dei più validi ensemble di classic-prog attivi in Italia.

Il genere proposto dal sestetto deve non poco alla magica stagione italiana degli anni’70, rinverdendo i fasti di gruppi quali Metamorfosi e Locanda delle Fate (questi ultimi in particolare per l’utilizzo, nell’organico, di ben due tastieristi), ma questo, se amate il progressive più romantico e “puro”, non rappresenterà certo un difetto!

La voce calda di Marco Giovannini ci trasporta dentro un universo musicale contraddistinto da una massiccia presenza di tastiere che, assieme alle chitarre e ai mandolini del bravo Roberto Magni, dipingono melodie magiche ed evocative.

Le poetiche liriche del tastierista Paolo Nannetti si sposano a meraviglia con le sonorità di un album che ha i suoi punti di forza nell’opener “Treni Di Passaggio” e nella lunga e ispirata suite “Cronaca Persa”.

Senza compiere pindarici voli strumentali (ma non difettando certamente in tecnica esecutiva!), né cercando a tutti costi di stupire con soluzioni originali, i Sithonia hanno composto un album di spessore che troverà certamente molti estimatori.

Von: Thomas Kohlruß


Sithonia... damit hätte ich ja bisher eher Griechenland in Verbindung gebracht, aber es gibt eben auch eine italienische Progressive Rock-Band dieses Namens. Mit „La soluzione semplice“ legen die Italiener nun schon ihr fünftes Studioalbum vor (daneben gibt es noch ein Live-Album und einige Demos). Irgendwie haben „wir“ die Band nach ihrem Debüt anscheinend aus den Augen verloren, für mich ist das vorliegende Werk ohnehin der erste Kontakt.

Wenn man heutzutage noch klassischen Prog spielen könnte, dann wären Sithonia mit diesem Album nah dran. Klassischer Italo-Progressive Rock strömt dem Hörer hier entgegen. Melodisch verspielt wirbeln und zirbeln die Keyboards, jaulen das Mellotron und die Orgel. Die Gitarre glänzt mit schönem Spiel und kraftvollen Soli und darf überhaupt schon mal heftig zupacken. Die Rhythmusfraktion befeuert die Songs solide im Untergrund. Allerdings könnten sowohl Bassist Roda wie auch Schlagzeuger Cenacchi gerne mit etwas mehr Finesse agieren, so wirkt ihr Beitrag mit der Zeit ein bisschen statisch (das ist allerdings meckern auf sehr hohem Niveau). Über allem schwebt die kraftvolle Stimme von Marco Giovaninni.

Wenn sich nicht der eine oder andere recht modern klingende Tastenklang eingeschlichen hätte, könnte man fast meinen einem verschollenen Juwel aus den 70ern zu lauschen. Sithonia beschwören immer wieder schöne Klangbilder herauf. Das Album hat einen stimmigen Spannungsaufbau, der mit kleinen Zwischenspielen dem Hörer immer mal durchschnaufen lässt, bevor die Band in den längeren Tracks wieder alle Register zieht. Der alles beherrschende Longtrack „Cronaca persa“, der neben all den klassischen Stilelementen auch ein paar überraschende jazzige Einlagen aufbietet, ist vielleicht etwas zu früh auf dem Album platziert.

Alles in allem ist „La soluzione semplice“ ein wunderschönes, sehr melodisches, aber auch mitreißendes Album ganz in der Tradition des klassischen Italo-Prog geworden, welches den Freund dieser Richtung Tränen der Freude in die Augen treiben sollte. Schönes Teil!

               


TRACK LIST:  


1.  Treni di Passagio 8:02

2.  Tornando 2:46

3.  Cronaca Persa 22:02

4.  Il Tram del Topo 1:09

5.  La Soluzione Semplice 6:03

6.  Passeggiata 1:31

7.  Il Vento di Nauders 11:38


LINEUP:


Roberto Magni – mandolin, guitars; programming

Oriano Dasasso – piano, synthesizer

Paolo Nannetti – Mellotron, organ

Valerio Roda – basses

Oria Cenecchi – drums

Marco Giovannini – vocals

Prolusion. The Italian band SITHONIA was formed in the second half of the ‘80s. Issued last year, “La Soluzione Semplice” is its fifth full-length album.

Analysis. With the release of “La Soluzione Semplice”, the outfit’s first CD of new material in 13 years, the band proves decisively that their talents are almost as fresh and vital as ever, still playing vintage-style symphonic Art-Rock of a moderate complexity. There are many of their signature compositional features on the seven tracks here, such as themes that gradually develop and unfold to achieve climatic moments of both beauty and power. Dramatic, shifting sonic panoramas and tasty explorative passages, built by Mellotron, organ, bass and drums, are the basis for bright (yet never flashy) soloing from guitars, synthesizers and piano. The arrangements vary from the majestic to calmer moments to – at times – heavier ones that have marked the music of classics of the genre, such as Genesis and Banco in the mid-70s, as well as Camel – only when going totally symphonic. The effective use of dynamics has always been a main strength of Sithonia’s compositions, and the contrast between gentle melodic sections and the intensity of band crescendos makes the listening experience especially exhilarating. Two of the three longest tracks here, the semi-epic Treni di Passagio and Il Vento di Nauders (which are largely and almost purely instrumental respectively), both twist and turn in a state of perpetual flux, only occasionally turning back to a previously stated theme, which keeps them interesting over the long haul. Located in the middle of the album, the 22-minute Cronaca Persa was certainly designed as its centerpiece, but is somewhat lacking in diversity to bear the palm. While the music seems to be ever-changing, much of it is slow-paced, so I kinda failed to take the epic as a full-fledged sympho-prog suite. It does contain episodes that are full of thrilling, dynamically evolving musical events, yet not enough to keep my attention throughout. Anyhow, although not a masterpiece, this is undoubtedly a good composition. Of the three shorter items, Il Tram del Topo and Tornando are both in many ways remarkable. Nowhere is the structural contrast more notable than on these two, particularly on the latter. An instrumental piece, it begins and finishes as hard-edged Symphonic Prog, building into an intense climax of heavy guitars, swirling keyboards and pulsating drums in its finale. The real surprise, however, is a sudden shift into a trio of acoustic guitar, piano and Mellotron that takes place… yes, sure, at the core of the composition. The remaining cut, Passeggiata, appears as a piano-based intro to Il Vento di Nauders. Finally, La Soluzione Semplice, is rather mellow in nature, almost a ballad, which, nonetheless, has a distinct classic art-rock quality to it.

Conclusion. “La Soluzione Semplice” is another noteworthy effort by one of the rare Italian bands ‘hailing’ from the ‘80s that have been able to retain quite a high standard of quality all over a lengthy musical activity. It comes recommended to lovers of symphonic Art-Rock, especially those who prefer its mid-to-late ‘70s creations to those from the decade’s earlier years.

VM=Vitaly Menshikov: February 7, 2012

Recensito da Donato Zoppo


A dodici anni di pausa dal quarto disco torna la band bolognese


Al sentire pronunciare il nome Sithonia, gli appassionati di viaggi e geografie penseranno all'antica Grecia, alla penisola calcidica e alle meraviglie del Mare Egeo. Da par loro, il cultori del progressive non penseranno certo a una vacanza mediterranea ma a uno dei gruppi più interessanti della prima ondata new prog italiana.


I bolognesi Sithonia debuttarono nel 1989 con "Lungo il sentiero di pietra" e chiusero una prima parte della loro vicenda dieci anni dopo con "Hotel Brun". Dopo una lunga pausa i Sithonia tornano in pista senza clamori, senza le luci sfavillanti della reunion, senza lo spirito altisonante del "tizio plays caio". Con quell'atteggiamento riservato e sognante che da sempre li contraddistingue, approdano alla Lizard con "La soluzione semplice": più che un disco del ritorno, un segnale di continuità, come se il decennio di silenzio fosse una sospensione naturale.


In questa pausa sono nati i pezzi del nuovo disco, brani come sempre in bilico tra l'articolazione complessa alla Banco/Gentle Giant e le soluzioni melodiche, limpide e accattivanti, alla Orme/Genesis. Non acustici come il Notturno Concertante ma neanche sofisticati come gli Ezra Winston, alieni all'apologia vintage dei Nuova Era e al carico strumentale dei Malibran, gli ultimi Sithonia confermano la loro inclinazione verso un sound concreto, talvolta stringato e ruvido. Ad ascoltare pezzi come "Treni di passaggio", la title-track o l'imponente suite "Cronaca persa", la sensazione immediata è di essere fuori dal tempo, in un ideale limbo tra l'epoca d'oro degli anni '70 e il ritorno del sogno prog del decennio successivo.


Certo l'alone di nostalgia non dovrebbe avere il sopravvento sulla musica: "La soluzione semplice" non è affatto esente da difetti, testi e voce restano dilettantistici, spesso si percepisce l'assenza di una direzione forte e in generale aleggia lo spettro di un anacronismo rassicurante e per niente foriero di novità.

Il movimento Progressive è stato qualcosa di straordinario. I grandi nomi li conosciamo tutti: Genesis, King Crimson, Yes, EL&P, Jethro Tull. E poi, negli anni d’oro, Caravan, Camel, Lindisfarne, Van Der Graaf Generator, ed altri. Ed in Italia tanti gruppi che sono riusciti a raggiungere la ribalta internazionale, tante le capacità di alcuni strepitosi strumentisti delle nostre parti e tanti i legami con le basi profonde di quella musica così immaginifica: Premiata Forneria Marconi, Banco del Mutuo Soccorso, Orme, e tanti altri.

Poi più nulla. Improvvisamente troppo pomposo e di maniera e troppo nuove e fresche le tendenze nate successivamente. E allora ognuno ha cercato la sua strada, spesso deviando verso forme più pop e semplici, qualcuno un occhio alla classifica, qualcuno preferendo sciogliersi magari solo momentaneamente.

Ma siccome nella musica tutto va e torna a velocità sempre più rapida, il Progressive ha trovato ancora modo di tornare all’attenzione del grande pubblico, prima alla metà degli anni Ottanta grazie ai Neo-Prog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night, IQ) sullo slancio di vecchi gruppi redivivi, poi più o meno dalla metà dei Novanta (Porcupine Tree, Spock’s Beard, Pineapple Thief, Mars Volta, Riverside). Più recentemente ancora il blasone del Rock Prog ha luccicato grazie ad alcune splendide prove di cui ho già trattato nei mesi passati. In particolare gli ottimi album di Martin Orford, ex tastierista degli IQ (“The Old Road” – 2008), It Bites (“Map Of The Past” – 2012) e Big Big Train (“English Electric Pt. 1″ – 2012) e all’affermazione definitiva di un grande talento come Steven Wilson, musicista-autore-produttore- e chi più ne ha più ne metta.

Ed in Italia? PFM dispersa nel ripetere pedissequamente il proprio Mito, alternando concerti con i grandi classici a progetti più discutibili (la ripresa dei concerti con De Andrè senza l’Immenso che senso ha?). Il Banco fa capolino ogni tanto in qualche rassegna prog, ma di nuovo materiale non se ne parla. Le Orme? Mah. Diciamolo, non riusciamo più a tenere botta con i gruppi stranieri come un tempo.

Relativamente vero.

Però c’è un gruppo di Bologna, i Sithonia, che ha conosciuto il suo momento più prolifico nella decade compresa tra il 1989, anno dell’uscita del suo primo album “Lungo il Sentiero di Pietra”, ed il 1998, anno di pubblicazione del suo ultimo (anzi penultimo) album “Hotel Brun”.

Un percorso composto da cinque album di cui uno dal vivo, attraverso una via cantautorale al Progressive, con testi spesso intimisti, spesso colti, ed una musicalità perfettamente compresa nel solco del miglior Prog. Di loro “Progarchives.com”, il miglior portale mondiale sul genere, dice “Il risultato è un suono personale, caratterizzato da semplici melodie toccanti e da rapide variazioni heavy e sinfoniche. La Musicalità è molto buona e piena di quelle dinamiche e trovate che caratterizzano la musica italiana”.

Per quanto mi riguarda i loro brani più belli sono “Piancaldoli”, storia di giovani musicisti e dei loro spazi per confrontarsi e per creare ed anche di una natura che si compenetra con i singoli e con la loro musica fino a confondersi tra spazio e luogo, “Il Foglio Bianco”, storia d’amore non corrisposta raccontata in maniera assolutamente non banale, e “Hotel Brun”, suite di venti minuti, che ci porta ad attraversare la storia di una città e di un suo storico edificio con immagini e sensazioni vivide e toccanti.

Nel 2011, tredici anni dopo “Hotel Brun”, i Sithonia sono tornati con un nuovo album e nella formazione migliore.

Attenzione! “La Soluzione Semplice” non è il “Disco del Mese”, rubrica storica di questo blog, nè una delle tante uscite da me commentate. E’ un gran bel disco e basta, fuori dal tempo e dalle mode. Moderno nelle sonorità ma tale da far luccicare gli occhi a chi spera sempre che un giorno o l’altro possa uscire un nuovo “Nursery Crime” o “Foxtrot”.

 “Treni di Passaggio” apre l’album. Alcune note di pianoforte ed una batteria che pian piano prende il ritmo di un treno. Voci sulla banchina. Un synth che crea leggeri effetti speciali. Il treno si lancia nella sua corsa. E’ il momento di riflettere. E allora entra la chitarra con un arpeggio leggero. Poi la voce.

Tema centrale dell’album è lo scorrere del tempo e le piccole e grandi battaglie combattute da ognuno di noi nel quotidiano. Sono parole che possono colpire chiunque: “Ho faticato per trovare un ruolo e una mia parte, ho sognato ma sognare mi è costato troppo, ho sempre lottato per non perdermi e dissolvermi, ed ho sempre sbagliato senza accorgermi che il tempo scivolava….”.

La melodia è struggente e tenera. Nella miglior tradizione del Prog il brano prende corpo al termine della prima strofa, con l’entrata della batteria e degli altri strumenti. L’atmosfera è molto bella. Alla fine della secondo strofa arriva la prima apertura strumentale. Un riff di chitarra e tastiere, poi il primo assolo delle tastiere. Intermezzo, poi parte l’assolo della chitarra, molto hackettiano. Ancora botta e risposta tra chitarra e tastiere e poi parte il primo “luccicone”: l’assolo centrale della chitarra suona molto “Anyway”. Ancora cambio di ritmo e di nuovo le tastiere in primo piano su di un ritmo spezzato di batteria. Nuovo assolo con sonorità Hammond con la chitarra a tessere sotto brevi intarsi di note per arrivare al finale di questa ricca parte strumentale. Ed è un fiume che arriva alla sua foce per perdersi nel mare aperto, con una speranza e quando decidi di riprendere il cammino, forse senza tanti rimpianti:Un nuovo giorno, ed è così da sempre…….….Ma è certo che viviamo, non c’è più nulla da inventare, corro in fretta, c’è un treno che aspetta…”.

“Tornando” è uno strumentale che si apre con il riavvolgimento di un nastro e viaggia su di un ritmo sostenuto. Ancora tastiere e chitarra in evidenza. Il lavoro della chitarra, molto presente su tutto l’album, è particolarmente valido. Breve stop a metà brano durante il quale il gruppo si cala di nuovo in atmosfera acustica per poi riprendere la sua corsa fino alla fine, guidato da un grande Hammond. Finalone tutti sugli scudi, molto efficace a mio parere in esecuzione live.

“Cronaca Persa” è il gioiello dell’album. Di nuovo una suite in sei movimenti. Ancora il tempo che passa. Caleidoscopio di ritmi e colori. Melodia, sempre melodia, fortissimamente melodia. Il leit-motiv del brano apre con poche note di organo prima di aprirsi in uno sviluppo quasi heavy sul primo movimento “non ritornerai…”. Si, forse tutto finisce, tutto passa, ma in qualcosa rimarremo in “…un’immagine, un suono, un odore di legna….e sarò sempre sospeso nel vuoto tra i rami di un pino, nascosto nel fieno tagliato, in un prato fiorito…”. Il riff è duro e su questo s’innestano le tastiere per poi distendersi in una melodia condotta da una tastiera che sembra una fisarmonica con sotto chitarra e tastiere che arpeggiano. Poi quasi una melodia rinascimentale riporta al tema iniziale. E’ l’introduzione al secondo movimento: un arpeggio di chitarra ed un synth che riporta indietro nel tempo (secondo luccicone). E il “tema della pioggia”. Dolce e struggente. Un lui e una lei sono insieme “…all’alba di un giorno che vola via, verso un altro destino”. Qui la parte strumentale è semplicemente perfetta. Parte un’assolo di chitarra lievemente distorto, su un tappeto di tastiere e pianoforte. Poi il ritmo si spezza, sempre con la chitarra a guidare. Grande sensibilità, grande tocco. (Steven Rothary, vattene a casa!). E’ una canzone nella canzone. Di nuovo la delicatezza iniziale del movimento e poi tutto sfocia in un ragggae mai sentito nel Prog. E’ il terzo movimento “musica, estate”. E’ l’Estate della Vita, una Musica che va e “vola tra i sentieri di pietra e ruscelli, vola tra i cespugli e vola tra i capelli…”. E il vento stavolta è una tastiera che si produce in un bell’assolo dove il ritmo torna verso un bel rock rotondo.

Sono passati tredici minuti dall’inizio del brano e non c’è un minimo di stanchezza. La musica si ferma per lasciare spazio, dopo un colpo di gong, ad un tuono ed allo sgocciolio di una pioggia battente. “Il ponte”, da attraversare ad un certo momento della nostra vita, e “…l’autunno che già chiede di mostrarsi agli alberi, chiuderà per sempre questa età…”. Poi la ripresa di “non ritornerai”, non prima di una nuova parte strumentale guidata da un synth, una chitarra che accompagna molto pulita quasi funky e le tastiere che vicariano una sezione di fiati, mentre “…alzo lo specchio a guardare l’estraneo che ha solo i miei occhi da spegnere…. ma buona sorte ha voluto concedere un foglio, una penna, una giornata di nebbia…. un prato fiorito, in un pomeriggio che non sa e non vuole finire mai”.

Ed infine l’ultimo movimento, “l’ultima volta” che riprende e sviluppa il leit-motiv in un finale struggente e potente al tempo stesso e “…l’ultima carezza sfrontata in faccia a tutto quello che verrà…”.

Piccolo bignamino del Prog è invece lo strumentale successivo, “Il Tram Del Topo”, che in poco più di un minuto passa da un quasi madrigale ad un potente rock , passando per un breve bellissimo tema poggiato sulla chitarra elettrica pulita (un pò alla “Fifth of Firth”).

La title-track inizia con un arpeggio di piano elettrico cui si aggiunge un suono quasi di carillion che ci conduce a spasso per un bosco popolato da Elfi. Poi dal sogno torniamo con i piedi per terra. Il brano si sviluppa come un classico Rock strofa-ritornello-strofa. Riff di chitarra e tastiere incrociate, poi l’introduzione si ripete sul ritmo della base fino ad un pianoforte che interrompe il brano aprendo ad una nuova via strumentale sulla quale si piazza un mandolino. Di nuovo il synth che disegna una melodia tra le migliori dell’album, ed una chitarra che piazza solo l’ennesimo bell’assolo prima di ritornare al refrain ed al finale.

Ancora un breve brano di un minuto e mezzo, “Passeggiata”, anche questo solo strumentale, prima di passare alla conclusione: “Il Vento di Nauders”. Piccola cittadina austriaca, 1.500 abitanti o poco più, a pochi passi dal confine italiano e svizzero, poggiata in una piccola valle incassata tra i monti, è il luogo gelido e ventoso dove si svolge una storia fatta di risvegli “..in un grembo gelido di un letto candido di neve a pochi passi da qui”. Qui la melodia la fa ancora da padrona, sia nella lunga parte strumentale iniziale sia nel cantato, mai assolutamente banale.

Sono passati meno di sessanta minuti, ed il disco si conclude sulle note di pianoforte iniziali. Punto.

Ripeto, per chi ama il Prog è un disco imperdibile. Per chi ama l’ottima musica italiana d’Autore, altrettanto.

Per chi non è indicato? Semplice, per quelli che amano il Fenomeno da Classifica, per chi ascolta RDS, per quelli che  pensano che Zucchero e Vasco siano il meglio che la musica italiana possa offrire, per chi aspetta Sanremo e prova i brividi quando vede i talent show, e via di seguito.

Insomma, per chi non ritiene che la Musica debba entrarti nel cervello in profondità, costringendoti ad aprire alcune porte che normalmente vengono tenute sprangate, non sia mai, ma che una volta aperte ti regalano orizzonti infiniti e la soddisfazione che solo certa Musica può donarti.


6

...seguerecensioni_6.html